IL "COMUNICATORE" D'INGIUSTIZIA
  IL VIZIETTO DOVE LO METTO
 


I vizi capitali compaiono in Aristotele che li definisce "gli abiti del male". Al pari delle virtù, i vizi derivano dalla ripetizione di azioni che formano nel soggetto che le compie una sorta di "abito" che lo inclina in una certa direzione. 
I sette vizi capitali sono:
  Ira, Accidia,  LussuriaAvarizia,  Gola, InvidiaSuperbiaA differenza dei vizi capitali i nuovi vizi non sono più una deviazione, una caratteristica o una malattia della personalità di un individuo; ma onerose e/o malsane tendenze od abitudini assunte da un individuo causa la dispersione dei valori etico-sociali, la scarsa educazione ricevuta e/o acquisita, l'ignoranza, la scarna percezione dello spirito del sacrificio, la mancanza di cognizione del valore del denaro e perciò anche la prodigalità, ecc. Sono: consumismo, conformismo, spudoratezza, sessomania, sociopatia, diniego, vuoto, corruzione, ignoranza e l'odio Tuttavia, consumismo e corruzione possono essere ricondotti all'avarizia con il significato ad essa associato di avidità e cupidigia; mentre alla superbia sono riferibili l'ignoranza e in certo modo il conformismo; l'odio è un aspetto dell'ira; spudoratezza e sessomania rientrano nella lussuria. I Nuovi vizi quindi non sono poi tanto nuovi.E se ci sono i vizi, ovviamente esistono "i viziosetti"....volete che GIUDA IL TRADUTTORE li lasci annaspare nel loro non senso del pudore???







Inserire un commento su questa pagina:
Il tuo nome:
Il tuo indirizzo e-mail:
La tua Homepage:
Il tuo messaggio:

 
  Oggi ci sono stati già 3 visitatori (35 hits) qui!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=